venerdì 21 settembre 2007

Pornografia televisiva

Porta a Porta di Bruno Vespa. Talk-Show di approfondimento del principale canale pubblico italiano, la "rete ammiraglia" la chiamano, forse perchè deve indicare la rotta... Rai 1...
Mi aspetto una trasmissione sull'ennesima figuraccia del governo Prodi o sulla crisi dei mutui o sul ritorno di Bin Laden o magari, che so, sull'inizio della Champions League... e invece...

Tema delle puntata:
Le italiane? Brave a letto.

Ospiti:
Daniela Melchiorre, sottosegretario alla Giustizia della Margherita
Alessandra Mussolini, parlamentare europeo di Alternativa Sociale
Alba Parietti, showgirl
Flavia Vento, showgirl
Vera Montanari, direttore Grazia
Emmanuele Jannini, docente di sessuologia medica
Manuel Casella, fidanzato di Amanda Lear

Grillo... ma un vaffanculo-day al mondo dello spettacolo e della televisione italiana quando lo organizzi che questa volta aderisco?

6 commenti:

astronik ha detto...

Non ci sono alternative: di fronte a questo scempio, usare il telecomando.....

Aracné ha detto...

Io ho fatto la mia scelta! Non ho la televisione! Di certo qualcuno mi potrebbe dire che è una presa di posizione troppo estrema, ma penso che Internet mi offra tutto quello che mi serve - i programmi più interessanti li posso guardare sul web...
... e comunque Pasolini docet

jaccaranda ha detto...

Sinceramnete quando ho girato su Rai1 ed ho visto Alba Parietti ed Alessandra Mussolini...non mi è interessato manco conoscere il resto degli ospiti ed il tema della puntata.
Ho spento la tv e mi son messo a parlare con il mio cane....

pinosuriano ha detto...

... anch'io l'ho sentito... Vi dico la verità: per un attimo mi ero incuriosito e stavo quasi per fermarmi.
Poi ho pensato alla breve durata media della vita umana... e prima di perdere anche quelle due ore ho detto "ma vaffa"... (anche senza Grillo).
Le cattive proposte ci saranno sempre nella storia... per fortuna c'è anche il giudizio. Ha ragione Astronik: Il telecomando è un buon mezzo di libertà... e se non c'è lui senza tv non si muore(anche se il mio è rotto)

Red Home 77 ha detto...

E' vero esiste il telecomando o si può spegnere la tv.
Però prima o poi bisognerà porsi il problema della bassezza culturale del nostro Paese.
Non dimentichiamo mai che per la maggior parte del popolo italiano, tra cui le fasce con il livello più basso di scolarizzazione, la televisione, purtroppo, rimane il mezzo di comunicazione più importante.

pinosuriano ha detto...

sono pienamente d'accordo... Un punto di lavoro decisivo è proprio quello della formazione culturale..
Però guarda un pò: questo non coincide con una maggiore scolarizzazione..
Io che lavoro nella scuola noto che spesso proprio i più bravini (quelli col voto alto) sono gli stessi che vano dietro alle più inutili cazzate...
E poi magari (senza alcuna criticità) si mettono a testa bassa a imparare tutto senza desiderare conoscere nulla...