lunedì 10 settembre 2007

Tolleranza

E' un periodo che, a tutti i livelli politici e amministrativi, si respira una brutta aria di repressione e proibizionismo. Abbiamo paura del diverso, di tutto ciò che viene ad inquinare il nostro tranquillo, ipocrita vivere borghese e pensiamo di esorcizzare queste paure con il divieto e la durezza.
Educazione, accoglienza, solidarietà, inclusione sembrano eresie.
Una parola bellissima come tolleranza, associata a quel numero, zero, sta perdendo la sua connotazione positiva.
In quest'epoca riusciamo anche a far sfiorire la nostra lingua.
A me tutto questo non va... su questo io sono intollerante...

8 commenti:

Nikyramblers ha detto...

Trovo molto interessante la tua parte intollerante...

astronik ha detto...

Stai generalizzando.
Secondo me bisogna distinguere fra tolleranza e rispetto delle libertà altrui.
Volendo rimanere alla faccenda dei lavavetri che tante polemiche hanno suscitato sono d'accordo che bisogna colpire chi c'è dietro. Ma è altrettanto vero che in alcuni casi certi personaggi agli incroci impongono un vero e proprio pizzo e non sempre i modi sono, come dire, urbani.....
Tolleranza, solo chi la merita.

jaccaranda ha detto...

Io penso che non sono solo i lavavetri in questa società che usano dei modi poco urbani nel quotidiano.
Su di loro è più facile scaricare la nostra rabbia.

Red Home 77 ha detto...

Grazie Jacca per la tua testimonianza sul mio blog.
Vienimi a trovare spesso.
Qui sei il benvenuto...

diogene ha detto...

Forse ho sbagliato a scrivere su questa finestra: chiedo scusa, ma come ho già scritto diverse volte io sono negato a trovare gli spazi giusti su questi diabolici strumenti. Chiedo ancora scusa se mi permetto di darti del tu e, infine, mi scuserai se mi permetto di interferire su alcune tue scelte. Sono Gaetano Pantone detto Diogene e desidero rivolgerti un caloroso invito a recedere dalla tua decisione di non voler più scrivere sul sito "A Palazz"; non sono d'accordo per tanti motivi che, stare qui ad elencare, sarebbero tanti, ma, se mi permetti, ti dico che le tue analisi, le tue valutazioni, le tue considerazioni sono state per me sempre e comunque motivo di profonde riflessioni e, credo, anche per tanti "palazzari". Pietro non devi mollare sopratutto perchè sai che la provocazione ha sempre connotazioni qualunquistiche e/o fasciste: e che facciamo lasciamo spazi ai provocatori e/o ai qualunquisti? No,non mollare te lo chiedo come favore personale. Non devi mollare perchè, spero di sbagliarmi, ho presentimenti negativi per il futuro della giunta Ricchiuti. Certamente non ti può sfuggire come il sito “A palazz” diventa giorno dopo giorno sempre più numeroso che va attentamente seguito per non lasciarlo alla mercè di chi vuole imporre silenzi politici. . Molto tempo fa ho scritto sul sito "A Palazz"che tu, Dino Recchia e COretti siete le persone che politicamente stimo, perciò: non deludermi! Un fraterno saluto Gaetano

Red Home 77 ha detto...

Non preoccuparti Diogene, penso che questo sia il post giusto...
Anche questa è una questione di tolleranza e intolleranza...
Se mi mandi la tua mail ti scrivo in privato.
Intanto ti ringrazio calorosamente delle tue parole.

jaccaranda ha detto...

Tolleranza e intolleranza.

Ci sono gesti che molte volte accompagnano il pensiero delle persone quando non ha più senso continuare a dialogare.
Ogni essere umano non deve dimenticare che l'importante è proseguire per la propria strada.
Conviene scambiare perle...con caramelle?

Condivido Redhome...su Apalazz continua pure tu se vuoi,Diogene.

Anonimo ha detto...

L'intolleranza è figlia dell'ignoranza, intesa come non conoscenza delle cose.
In tutti i luoghi fisici e virtuali troveremo sempre gente intollerante ed arrogante che tenta in tutti i modi di screditare gli altri.
Penso che il tuo ritiro dal sito "apalazz" è giusto e non va in nessun caso giudicato: ognuno trova la propria agorà in cui esporre le proprie idee e il proprio modo di essere.
Saluti Dom!