martedì 17 aprile 2007

Incomunicabilità

Che muro!
Un muro di ignoranza, qualunquismo, superficialità, pressapochismo.
Io questo muro non riesco a scavalcarlo, ci ho provato, ma non ci riesco.
Di cosa parlo? Di politica, dell'aspirazione democratica, della tensione civile a cambiare il mondo, a "cambiare lo stato di cose presenti" attraverso il dialogo, il confronto, la parola, la ragione.
Niente!
Che si fa? Ma ci si ritira, non c'è dubbio...
Nel proprio eremo, nell'Arte, nella Natura, nell'Amore, nella propria Utopia.

3 commenti:

astronik ha detto...

Il muro più famoso, quello di Berlino, alla fine cadde...
Per ironia della sorte se ne sono creati di più inquietanti.... come quelli ben descritti da te.....
Non solo incomunicabilità......

Anonimo ha detto...

one solution.....Revolution

astronik ha detto...

Come, quando....