mercoledì 14 novembre 2007

Sono sicuro...

Viviamo in una società malata, smarrita, senza valori e senza ideologie. Questo è appurato. Ok...
Nello stesso tempo, credo che la violenza nella storia dell'uomo sia sempre esisitita, con forme ancora più crudeli e disumane di quelle attuali. Gli omicidi, i delitti, le stragi hanno riempito pagine e pagine di letteratura... racconti, miti, leggende...
Prima, però, non c'erano i Porta a Porta, i Matrix, gli Studio Aperto, i salotti mediatici... tutta quella (dis)informazione che riesce a manipolare, a gonfiare, a strumentalizzare e a convogliare politicamente le paure, anche leggitime, della gente.
L'emergenza "sicurezza" per me è un bluff.

3 commenti:

radiopalomar ha detto...

Sono d'accordo. La violenza è un tratto antropologico scatenato da fattori sociali. I mass media fanno da amplificatore di potenza.

Ladypiterpan ha detto...

Hai perfettamente ragione!
Quanti sorprusi, facevano prima potenti locali?
Vi ricordate, per esempio, la Ius prima noctis?
E allora, di che vogliamo parlare...
Anna

Luca ha detto...

La disinformazione hai detto bene, è questo il problema vero!
E'inutile sottolineare fatti, seppur gravi, che sono all'ordine del giorno e poi tenerci all'oscuro di quello che realmente accade nel mondo solo perchè il sistema lo impedisce.