martedì 27 novembre 2007

Chi ti credi di essere?

Eccone un altro!
Dopo quello di Storace un altro attacco ignobile al nostro Presidente della Repubblica.
Ancora una volta, non è solo un attacco politico ma anche personale, giocato tutto sull'ironia della senilità, e per questo ancora più volgare...
"Come il nonno quando arriva a tavola il dolce", "dentiera presidenziale", "presidente da ospizio di garanzia", solo alcune delle espressioni usate...
Da chi? Dal Masaniello della blogosfera, dal comico-politico (o politico-comico), Beppe Grillo.
Chi se no? Chi può aver tanta arroganza oggi in Italia oltre a Berlusconi?
Io credo semplicemente che un Paese civile, democratico, normale (e quindi un Paese senza il "fenomeno Grillo") dovrebbe essere riconoscente a persone di acclarata integrità morale e di enorme bagaglio intellettuale, a maggior ragione se anziane.
Io non voglio discutere il valore e la storia di Napolitano (che se lo facessi Beppe Grillo si scioglierebbe come neve al sole), è una questione di buon senso, è una questione di rispetto delle Istituzioni ma soprattutto è una questione di educazione, un valore che oggi sembra dimenticato a cui, invece, io (estremista, radicale, comunista, intregralista, massimalista secondo le etichette di moda) tengo molto.
Naturalmente c'è poi anche l'aspetto politico, se possibile ancora più grottesco.
Arriva, infatti, Grillo e ci dice che il Presidente deve essere eletto dagli italiani, che lo vuole giovane, non più di cinquant'anni, della società civile, slegato dai partiti e bla bla bla...
In pratica ha mandato a puttane, in poche righe, un equilibrio tra i poteri delicatissimo e per questo meraviglioso, basato su una Costituzione scritta con il sangue e con la testa dai padri nobili della Repubblica.
Ma si può fare politica, si può davvero pensare di risolvere i probemi, con questa rozzezza, con questa superficialità?
Grillo, ma tu, davvero, chi sei?

9 commenti:

Nathan 2000 ha detto...

Capisco il tuo sfogo. Lungi da me l'idea di convincerti di nulla, ma non sono d'accordo con tutto quello che hai postato! Tu affermi, con determinazione, quanto segue: "In pratica ha mandato a puttane, in poche righe, un equilibrio tra i poteri delicatissimo e per questo meraviglioso, basato su una Costituzione scritta con il sangue e con la testa dai padri nobili della Repubblica.", non facendo caso che quegli equilibri sono diventati delicatissimi.... non lo erano! Il passaggio dalla prima alla seconda repubblica (minuscolo, tutto rigorosamente minuscolo) o, parafrasando Vulpio la sera di venerdì, il passaggio al secondo tempo della prima repubblica, ha reso questi equilibri delicatissimi. Una politica ormai salottiera, che è viva soltanto se ha il suo spazio nei talk show televisivi (lasciando a piedi i cittadini elettori, da Rifondazione, passando per i Democratici, per Forza Italia, AN, UDC, Storace, la Mussolini.... praticamente TUTTI). Conosco personalmente alcuni dei nostri parlamentari: dopo le elezioni non si sono fatti vivi mai. Ma la politica, per come la vedo io, è fatta soprattutto di contatto tra cittadini e rappresentanti. Dov'è tutto questo, da qualche decennio? Sai, non ti parlo da "anziano".... ho 44 anni, qualcuno più di te, ma mi piacerebbe essere più una specie di fratello maggiore e non un padre. Non ho più nessuna certezza... non ho dogmi religiosi, politici, ideologici. La mia mente è, finalmente, scevra da Assiomi! L'unica cosa che per me risulta fondamentale, in questa vita, è che nessuna ingiustizia è giustificabile! Al di là di questo concetto essenziale, poi, tutto si può fare.
Chi è Grillo? Un comico che, suo malgrado, da anni grida, urla, strepita contro le ingiustizie. Un eroe? No, non direi. Vi sono cose condivisibili ed altre meno, in quello che dice o che fa. Ma da qui a dire che ci sia della superficialità.... ce ne corre!
Quello che credo, in cui tutti dovremmo credere, è nella nostra capacità di discernere tra ciò che è giusto per la collettività e ciò che non è giusto.
Gli dei, la sacralità (anche laica, come il rispetto per le istituzioni) non sono un diritto acquisito. Chiunque, in questo mondo, deve guadagnarsi la stima, il rispetto della gente!
Scusami per il sermone, non volevo essere un pastore di anime.... volevo soltanto dire che un giorno ho deciso di voler applicare una massima di un anonimo che recitava quanto segue: "Non voglio un Dio che mi chieda soltanto di credere: voglio un Dio che mi chieda soprattutto di pensare!". Ecco, questo Dio, sia di natura religiosa o laica, deve essere questo.
Buona giornata.

partigiano ha detto...

Concordo con nathan... il rispetto si conquista. Non basta essere vecchi e presidenti della repubblica. Fosse così non si dovrebbe mai criticare neanche un Berlusconi presidente del consiglio.
Io preferisco rimanere sui fatti più che sulla forma. Maleducato o no Grillo coglie nel segno. Napolitano è un presidente che finora si è dimostrato più attento alla casta che alla gente comune. Anni luce lontano da Pertini.

Viler ha detto...

Una lancia a favore di Redhome77. In effetti Grillo ogni tanto fa qualche sviolinata, tipo quella sui Rumeni. A me Grillo è simpatico, ma affronta anche tempi ambientali delicati. Egli è stato colui che ha sostenuto e sostiene mediaticamente la ricerca sulle nanopatologie del Dr.ssa Gatti e del marito Dr. Montanari. Ma arrivare a dire che il Presidente della Repubblica debba essere eletto dal popolo e che debba essere giovani mi sembra un po fuori dalle righe. A me Napolitano piace e credo che un ruolo così importante debba essere ricoperto da una personalità che ha masticato di politica, un giovane non lo vedrei.

Sententia ha detto...

Sono daccordo con Red...Grillo è semplicemnte uno dei tanti ...utilizza lo stesso strumento demagogico che usano i politici per portare l'acqua al suo mulino : egli è solo su una sponda opposta, ma per comodità!...io personalmente non "provo niente" quando assisto ai suoi spettacoli, anzi i suoi toni da tipico borghesotto che difende la bottega di generi alimentari mi irritano molto!... mi informo da solo e non resto a bocca aperta, come i tanti che si vedono nei suoi spettacoli molto spesso offesi dai suoi stessi monologhi , che vivono di aria e grattate sul ventre: di solito quando lui dà una notizia questa è già vecchia...Grillo esiste perchè esistono gli ignoranti e ciò non gli dà sicuramente alcun merito (per come la vedo io) ...e non ho bisogno di essere imboccato per capire che si è costruito una "botte de fero" in cui si è assicurato lui e altri 5 generazioni di eredi(basta vedere dove abita) come minimo ,un patrimonio economico al pari di un politico!

astronik ha detto...

Azzz, uagliò a te Grillo ti sta proprio antipatico.....
Anch'io, con tutto il rispetto del caso un rimprovero lo voglio fare al nostro Presidente.
In qualità di Presidente del CSM, dopo moltissimi anni, ha presieduto l'organismo quando si è trattato di bacchettare la Forleo. Non ha fatto altrettanto, partecipare alla seduta, quando si è trattato di massacrare De Magistris.....
Forse s'è ricordato che per qualche tempo è stato compagno di partito di D'Alema?
Presìdè, per piacere usa un comportamento univoco!

Nathan 2000 ha detto...

Lungi da me il voler criticare il buon redhome77; e lungi da me il voler santificare Beppe Grillo. La mia era soltanto una considerazione di natura intima. Poi, il fatto che vi sia un Presidente giovane o attempato, mi riguarda poco! Un Presidente deve essere rappresentativo del paese: nel caso in questione, mi pare proprio che sia così! Astronik ha colto nel segno. In questo paese ci si indigna soltanto quando viene profanato il proprio orticello personale.... mai quando il problema è collettivo. La differenza di trattamento tra De Magistris e Forleo al CSM ne è la prova.
Allora, il Presidente di tutti gli italiani dovrebbe avere soltanto figli, non figli e figliastri. Soltanto così potrà avere il mio rispetto incondizionato... altrimenti, soltanto buona educazione! Quella, sì. E Grillo mi pare non aver avuto buona educazione nel suo intervento.

Aracné ha detto...

Sono estremamente d'accordo con te, RED... questo post, tra l'altro, è scritto davvero con stile!!! Non voglio fare adulazioni del cxxxo, ma solo dire che mi è piaciuto molto!!!
Soprattutto quando ti definisci: "estremista, radicale, comunista, integralista, massimalista secondo le etichette di moda"
Davvero complimenti, sei un grande!

Anonimo ha detto...

... al mistificatore Grillo gli ridarei Cossiga ... se lo meriterebbe

Voi siete sicuri che un Presidente della Repubblica giovane sia capace di leggere la sensibilità di quei delicatissimi equilibri a cui faceva rifermineto Red? .. e poi mi spiegate perchè dalla bocca di questo tizio non esce mai una cosa normale, un pensiero .. come dire ... non per forza eccessivo ... magari poteva pure fare su 10 pensieri 5 eccessivi e 5 normali .. o abbastanza normali ... e invece no ... 10 pensieri tutti eccessivi ... non vi sembra strano? non vi sentite, in qualche modo, pedine di un gioco ... di uno strano gioco?

Sylvian

pino suriano ha detto...

Non mi sarei mai sognato..un giorno... di difendere Beppe Grillo (che è per me praticamente un coglione). Ma devo difendere la libertà di esprimere le opinioni con libertà e forza comunicativa. Al diavolo il buon senso se è la scusa per impedire il confronto delle opinioni!!!
Mi spiace... ma su questo la pensiamo in modo totalmente diverso. E quando scrivi fascista a Storace (...cosa per me sacrosanta..) ricordati che qualcuno potrebbe appellarsi al buonsenso contro di te... Insomma, fascista è più offensivo di "vecchio e poco adatto al proprio compito".
In ultimo: ricordare troppo spesso il sangue della Liberazione potrebbe farci scordare un dato di natura..e cioè che le cose si evolvono nel tempo. Compreso il valore di certe istituzioni... (che siano nate dal sangue o dall'inganno)... La costituzione si difende... ma non a priori... o perchè stimiamo qualche bravo "partigiano morto per la libertà"...